Caricamento Eventi

« All Eventi

  • Questo evento è passato.

PROGETTI FUTURI

9 settembre 2020, ore 21, Bologna, Piazza Liber Paradisus, Festival Luci della Città (debutto)

OPPOSTI FLUSSI

una nuova narrazione di e con Marco Baliani

Sì, ci sarà anche il mare dentro le tante “opposizioni” che guidano questo percorso narrativo. Il mare che con i suoi flussi separa o unisce, che rifiuta o che accoglie, sempre irrequieto, come noi umani che ci dibattiamo tra opposte visioni e opposti sentimenti.
Racconterò di come la scrittura si oppone alla voce che narra, andando molto indietro nel tempo quando qualcuno cominciò a incidere su tavolette d’argilla strani segni che potevano essere interpretati solo sapendoli “leggere”.
Da lì, sempre attraversando racconti, viaggerò tra le opposte sponde della realtà e della immaginazione, scoprendo che le distanze non sono poi così grandi,a volte un sogno può diventare realtà o viceversa, e la stessa realtà non è mai così definita una volta per tutte. E lo stesso viaggiare si opporrà a quelli che invece restano fermi, nomadismo contro stanzialità.
Ci sarà poi un misterioso biglietto a mettere in crisi la parola identità, opponendo lo sguardo degli “altri” alla pretesa sicurezza del nostro io. Infine dopo aver attraversato mari diversi, antichi e contemporanei, ci troveremo faccia a faccia con l’ultima opposizione, quella tra noi umani e la natura, e sarà una storia africana a raccontarcela.
Ogni coppia di opposizioni sarà dunque veicolata da un racconto, e altri si interporranno a far perdere tracce o a farle ritrovare.

Seguendo il pensiero del filosofo Ernst Bloch, mi proverò a “pensare anche affabulando”. Partendo da storie popolari, miti, fiabe, leggende, la parola narrata compie continue digressioni e tocca altre narrazioni senza mai rinchiudersi dentro un percorso definito, ma seguendo gli stimoli e le visioni che i racconti produrranno, i flussi e riflussi delle tante maree di questo spettacolo. Nell’alto e basso del mare e dei suoi irati flutti o placide onde, navigherò su fragili imbarcazioni fatte di racconti, sempre in procinto di scontrarsi con le opposte scogliere di turno. A volte sarà la forma del dire che si opporrà al contenuto della cosa detta, a volte sarà il corpo a non accettare quelle parole, a volte ancora gli opposti si incontreranno in quei punti dello spazio tempo dove potranno collidere ed esplodere.

A guidare dall’alto il mio sguardo sarà il dio degli opposti, quel fanciullo armato di arco che semina al contempo passione e distruzione, desiderio e ripulsa, l’alato Eros che continua da millenni a insidiare le nostre anime mortali.

Marco Baliani


Teatro Regio di Parma, venerdì 9 ottobre 2020, ore 20.30, prima assoluta

RIGOLETTO

LA NOTTE DELLA MALEDIZIONE

di e con Marco Baliani

I FILARMONICI DI BUSSETO
clarinetto Corrado Giuffredi / chitarra Giampaolo Bandini / fisarmonica Cesare Chiacchiaretta / contrabbasso Federico Marchesano / percussioni Roger Catino

musiche di Giuseppe Verdi, Nino Rota, Cesare Chiacchiaretta
una Commissione del Festival Verdi realizzata da Società dei Concerti di Parma

La nostalgia per la donna amata, la gelosa premura nei confronti della figlia, la sete di vendetta contro chi minaccia la sua purezza: i sentimenti di Rigoletto, che la musica di Verdi ha reso immortali, rivivono nell’animo e nella storia di un clown che si esibisce in un piccolo teatro di periferia. Davanti allo specchio, mentre trasforma col trucco il suo viso, si prepara per una serata speciale, quella in cui si consumerà la sua vendetta, sotto gli occhi di tutti. Pensieri, rancori, ricordi si susseguono in un monologo accompagnato, interrotto e per certi versi ostacolato da una musica sempre presente.


Teatro Mercadante Napoli, 5-11 novembre 2020

LA QUINTA STAGIONE

di Franco Marcoaldi
diretto e interpretato da Marco Baliani
produzione Teatro di Napoli – Teatro Nazionale

Portare la poesia in teatro è, da sempre, impresa ardua. È come se il linguaggio poetico, sopra un palco, si trovasse compresso, costretto, non così libero di volare e di espandersi come i suoi versi vorrebbero. Dentro un poema c’è solo la voce del poeta, che l’ha abitata e continua a starci incastrato, connesso a quelle parole magari pensate e scritte tanto tempo prima ma che ancora lo incatenano. Lì lui vive e parla. Dopo queste premesse che senso ha allora che sia io a dare voce alla Quinta Stagione di Franco Marcoaldi? Io, uno straniero rispetto al poema.
Ma il poeta ha chiamato la sua opera “monologo drammatico”, due termini che appartengono di diritto alla storia del teatro. Dunque la visione del poema è legata alla scena, o potrebbe esserlo.
È quel “potrebbe” l’unico spazio di esplorazione che mi è consentito e che mi accingerò con timore ed entusiasmo a percorrere. Un evento “drammatico” necessita di azioni in contrasto. Nella Quinta Stagione intuisco che queste “azioni” possano essere le molteplici voci che abitano il poema, le vorrei incontrare, per contrastarle o farmi permeare, forse anche quella del poeta, voci sperse in un paesaggio a tratti così remoto da trovarsi dietro l’angolo di casa. È un poema itinerante, da nomadi, mi ci riconosco fin dalle prime parole, come fossi un viandante che ne è stato catturato. Ma avrò bisogno nel pellegrinaggio di un paesaggio sonoro di complicità, a cui penserà mio figlio Mirto, sono certo che insieme troveremo la “musica” giusta di sonorità e voci. Per il paesaggio scenico mi affiderò alla misura artistica di Mimmo Paladino, alle sue materiche presenze, con cui interagire e da cui farmi guidare. Sono dunque in buona compagnia, non mi resta che accingermi ai preparativi per la partenza.

Marco Baliani

Dettagli

Data:
9 Settembre
Ora:
21:00
Sito web:
http://www.lucidellacitta.com

Luogo

Piazza Liber Paradisus
Bologna, Italia + Google Map:
Sito web:
www.cronopios.it